Shale, Canada: la provincia di Terranova vieta la fratturazione idraulica

L'amministrazione locale di una delle aree più ricche di idrocarburi da scisto ha deciso di imporre una moratoria sulla tecnica di sfruttamento, considerata rischiosa per ...

La provincia di Terranova-Labrador, in Canada, ha deciso di introdurre una moratoria sulla fratturazione idraulica, tecnica utilizzata per lo sfruttamento degli idrocarburi da scisto intrappolati nel sottosuolo. Ad annunciarlo è stato il ministro locale per le Risorse naturali, Derrick Dalley, subito dopo aver comunicato la decisione al parlamento della provincia. 

Quest’ultima ospita la maggior parte dei campi petroliferi della costa atlantica canadese, e per questo la notizia assume un valore – anche simbolico – particolarmente importante. «La nostra prima preoccupazione è la salute e la sicurezza dei nostri cittadini – ha dichiarato Dalley, secondo quanto riferito dall’agenzia AFP -. Questa decisione permette un equilibrio tra lo sviluppo economico e la protezione dell’ambiente». 

Ad oggi nell’area di Terranova-Labrador, situata nell’estremo Est del Canada, si producono 72 milioni di barili di petrolio convenzionale all’anno, grazie alle piattaforme offshore situate nell’Atlantico. Ad essi, si aggiungono quelli provenienti dallo sfruttamento delle rocce da scisto. Che ora, però, saranno bloccati.