Speculazione

Il colosso BlackRock punta sulle fonti fossili. E perde 90 miliardi di dollari

L’istituto IEEFA ha calcolato l’immensa perdita patita dal fondo statunitense a causa della scelta di continuare ad investire sulle fonti fossili

Di Andrea Barolini
La sede del fondo d'investimento americano BlackRock © Americasroof/Wikimedia Commons

Novanta miliardi di dollari. È la perdita stratosferica centrata da BlackRock, colosso della finanza mondiale. La ragione? Aver investito in imprese attive nel settore delle fonti fossili. Nonostante molti azionisti, da tempo, chiedano di non puntare più su business dannosi per il clima e pericolosi per il portafogli.

BlackRock gestisce asset per 6.500 miliardi di dollari

A calcolare il “rosso” del fondo americano è stato l’Institute for Energy Economics and Financial Analysis (IEEFA). L’analisi ha scandagliato i risultati ottenuti nell’ultimo decennio da BlackRock. Che, nonostante la perdita, rimane una potenza mostruosa, con circa 6.500 miliardi di dollari di asset gestiti (più del triplo del Pil italiano).

Secondo l’IEEFA, il fondo statunitense «continua ad ignorare i grandi rischi finanziari causati dagli investimenti nei combustibili fossili. Ed è molto in ritardo in materia di scelte sostenibili». C’è in effetti chi – come nel caso del fondo sovrano norvegese e della Bei – ha cominciato ad abbandonare carbone, petrolio e gas (benché molto prudentemente).

Le cinque ragioni che hanno provocato la colossale perdita

In termini più concreti, la perdita di 90 miliardi di dollari è legata secondo lo studio a cinque ragioni. In primo luogo, le partecipazioni in quattro aziende che hanno ottenuto performance non in linea con la media del mercato. Si tratta delle compagnie Exxon, Chevron, Shell e British Petroleum.

La seconda ragione indicata è legata al «debole controllo» che BlackRock ha su 4.300 miliardi di dollari di fondi indicizzati, spesso legati all’andamento del petrolio. In terzo luogo, l’IEEFA punta il dito contro un conflitto d’interessi all’interno del board del fondo. Su 18 membri, ben sei sarebbero infatti legati ad imprese del comparto fossile come Halliburton, General Electric e BP.

shell petrolio lobby
Una manifestazione contro lo sfruttamento del petrolio da parte della Shell © Backbone Campaign/AP via Flickr (CC BY 2.0)

«Se BlackRock desse un segnale, in molti lo seguirebbero»

La quarta ragione dell’immensa perdita, secondo l’analisi, è legata al fatto che «solo lo 0,8% del portafoglio di BlackRock è investito in fondi green». Infine, secondo l’istituto di ricerca, la società americana ha sostenuto soltanto il 10% delle risoluzioni ecologiste presentate alle assemblee generali. Qualora lo avesse fatto, avrebbe potuto incidere fortemente, considerato che è presente nel capitale del 40% delle imprese americane.

«BlackRock – ha commentato Tim Buckley, uno degli autori dello studio, secondo quanto riferito dal Guardian – è il più grande gestore di asset del mondo. Può esercitare una fortissima pressione. Per questo le sue responsabilità sono enormi. Se il più importante investitore del mondo indicasse chiaramente che le regole del gioco sono cambiate, altri lo seguirebbero rapidamente».

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile