Parte 3
Diritti umani

OMS, non curare i migranti? Atto disumano. E pessimo investimento

Un rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sfata molti luoghi comuni. E ribadisce: includerli in programmi di cura e vaccinazioni è cruciale per la sicurezza pubblica

Di Nicoletta Dentico*

Certo, l’argomento è da qualche anno il tema più acuminato della agenda politica degli stati europei, e su di esso si gioca la tenuta stessa dell’Unione, come l’abbiamo finora conosciuta. A pochi mesi dall’appuntamento elettorale di maggio, la prudenza è d’obbligo. Certo, le agenzie delle Nazioni Unite hanno natura intergovernativa, con i singoli stati membri ci devono interagire, così non possono giocarsi la relazione fiduciaria sul terreno della critica politica.

Per la Organizzazione mondiale della sanità (Oms), poi, si tratta del primo rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nei 53 paesi che formano la componente europea dell’Agenzia, ciò che forse spiega l’esitazione del principiante. Il rapporto è in buona sostanza una revisione della letteratura esistente, e presenta giocoforza le evidenze principali. Eppure resta un uggioso retrogusto, è inutile negarselo.

Un rapporto importante ma in grave ritardo

Il lancio a Ginevra del Report sulla salute di rifugiati e migranti nell’area OMS in Europa, a pochi giorni dalla sessione del Consiglio Esecutivo dell’organismo, arriva con consistente ritardo rispetto alla storia decennale dei flussi migratori in Europa. La responsabilità è soprattutto dei governi, che solo nel 2016 hanno adottato una strategia europea su salute e migrazioni, e nel 2017 un programma di priorità.

Almeno dai primi anni Duemila – lo dico con qualche cognizione di causa in quanto direttrice allora di MSF Italia – le organizzazioni umanitarie e mediche si sono cimentate in una produzione di dati e di relative analisi molto ricca, ancorché parziale, su vari aspetti della salute della popolazione delle persone rifugiate e migranti.

92 milioni di migranti nell’area OMS Europa

Il ritardo pesa e non poco, vista la regressione culturale e politica che si è calcificata nel frattempo nelle politiche europee su questo versante (mentre partecipo alla conferenza stampa si consuma la chiusura del Cara di Castelnuovo di Porto).

Meglio di ogni altro ragionamento, la salute può far intendere anche ai decisori politici più riluttanti un dato inconfutabile: siamo tutti esseri umani, rifugiati o residenti in Europa, persone fatte di corpi, reazioni fisiologiche e processi identici, e la salute degli uni è una garanzia per la salute di tutti. Ma cosa dice il rapporto dell’Oms in proposito?

I 53 paesi dell’Oms Europa abbracciano una popolazione di 920 milioni di persone, il 10% della quale (90,7 milioni) sono persone migranti, anche di lunga data, che si sono spostate soprattutto per motivi di lavoro (solo in Russia ci sono 50 milioni di migranti provenienti dai paesi della vecchia Unione Sovietica).

Popolazione totale nei Paesi appartenenti all'area OMS Europa e tasso di migranti, divisi per sesso ed età. Dati 2017. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.
Popolazione totale nei Paesi appartenenti all’area OMS Europa e tasso di migranti, divisi per sesso ed età. Dati 2017. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.

Una percezione pubblica distorta

La proporzione di migranti internazionali e rifugiati nei paesi della regione europea varia dal 50% di presenza a Monaco e Andorra, a meno del 2% in Albania, Bosnia ed Erzegovina, Polonia e Romania. Meno del 7,4% sono rifugiati, ma la percezione dell’opinione pubblica in alcuni paesi europei è che la presenza dei rifugiati sia 3 o 4 volte superiore al loro numero effettivo.

Alcuni dei risultati evidenziati nella relazione della Commissione parlamentare Jo Cox su razzismo e xenofobia
Alcuni dei risultati evidenziati nella relazione della Commissione parlamentare Jo Cox su razzismo e xenofobia.

Mentre l’idea comune associa ai flussi migratori le più esotiche malattie infettive, è bene dire subito che se la regione europea dell’Oms è l’unica al mondo a registrare un aumento della trasmissione del virus HIV/AIDS, questo non dipende dalla presenza dei migranti ma dalla totale assenza di politiche sanitarie di prevenzione e controllo della malattia, soprattutto nei paesi dell’Est.

Stati membri dell'OMS in Europa che hanno sistemi di monitoraggio sanitario dei bambini rifugiati e migranti. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.
Stati membri dell’OMS in Europa che hanno sistemi di monitoraggio sanitario dei bambini rifugiati e migranti. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.

Le malattie li contagiano nel Paese di approdo

Le persone che fuggono o emigrano sono esposte, certo, al rischio di infezioni e malattie trasmissibili (vedi le infezioni respiratorie), ma ciò deriva perlopiù dalla mancanza di assistenza sanitaria durante il viaggio, dalla interruzione di eventuali cure, dalle insoffribili condizioni di vita nelle rotte migratorie. Spesso, sono le condizioni di vita e di sfruttamento nel Paese di approdo che producono malattie infettive come la tubercolosi, gestite peraltro con competenza in tutti i Paesi europei.

Immigrazione, le 5 fake news che fanno male alla nostra economia

I dati inducono a ritenere che siano piuttosto le malattie croniche e condizioni acute a interessare la popolazione in movimento – nel caso degli uomini, gli incidenti sul lavoro, ad esempio. Rifugiati e migranti hanno un tasso di incidenza, prevalenza e mortalità da diabete superiore alla media dei residenti europei, in particolare fra le donne. Risulta inferiore la percentuale di tumori, con l’eccezione del tumore cervicale nelle donne, salvo che le patologie tumorali nella popolazione migrante sono perlopiù intercettate e diagnosticate in fase avanzata, e con difficoltà di continuità della cura, con conseguenze irreversibili per la vita dei pazienti.

Benedette vaccinazioni

Un capitolo importante concerne le vaccinazioni. Può essere che le persone migranti arrivino in Europa prive di una completa copertura vaccinale. Perciò serve una presa in carico immediata del sistema sanitario nazionale del Paese ricevente, con un programma di vaccinazioni di base, soprattutto (ma non solo) per i bambini. L’accesso ai servizi sanitari e sociali dei paesi ospitanti – occorre ribadirlo ai politici europei che non hanno ancora capito – secondo i consolidati principi di universalismo e di diritto alla salute, è una condizione fondamentale di sicurezza.

Stati membri dell'OMS in Europa che hanno programmi nazionali di vaccinazione, che includono anche rifugiati e migranti. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.
Stati membri dell’OMS in Europa che hanno programmi nazionali di vaccinazione, che includono anche rifugiati e migranti. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.

Questo vale anche per la salute mentale: queste persone arrivano in Europa con pesanti fardelli di paure e violazioni dei diritti umani, prima e durante il viaggio. Depressione e ansia sono condizioni frequenti, accanto a forme di stress post traumatico, spesso trascurate. Anzi, peggiorano per le condizioni di incertezza e sfruttamento cui queste persone – in particolare donne e minori non accompagnati – sono sottoposte, in Europa.

La riluttanza dell’OMS

Ovviamente l’Oms non si sbilancia. ZsuZsanna Jakab, direttrice di Oms Europa, riconosce la mancanza di preparazione dei governi europei ad affrontare i flussi umani degli ultimi anni, ma non formula denunce su politiche che fanno male alla salute, e non ricorda neppure che i flussi sono in netta diminuzione. Si limita a citare la “riluttanza” di alcuni Stati a capire la posta in palio. Molto più seria del gioco sulle definizioni tra migranti economici, rifugiati, clandestini, illegali. O “profughi vacanzieri”, secondo la subcultura geopolitica del nostro ministro degli Interni.

Tasso mortalità fra migranti e rifugiati confrontato con la popolazione residente. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.
Tasso mortalità fra migranti e rifugiati confrontato con la popolazione residente. FONTE: Rapporto sulla Salute dei migranti e rifugiati OMS, 2019.

Nulla si dice sul trattato di Dublino, che disciplina la gestione dei richiedenti asilo nei paesi europei: uno dei determinanti politici della cattiva salute dei migranti in Europa. E della xenofobia che velocemente si diffonde tra le persone residenti nel nostro continente: epidemia che l’Oms farebbe bene a considerare per un prossimo, questa volta tempestivo, rapporto.

* L’autrice è vicepresidente Fondazione Finanza Etica

Migranti SpA. Lega e 5 Stelle aprono le porte ai privati che l’Austria caccia via

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile