Parte 11
Ambiente

Plastica invece della neve. L’ultima trovata salva-sci (con brevetto italiano)

L'azienda bergamasca Neveplast propone piste realizzate con plastica non biodegradabile da usare nelle località senza neve. In Russia e Polonia è già realtà

Di Corrado Fontana
Sciare sulla pista in plastica. Accade nella località scistica di Veduchi, in Russia. FOTO: screenshot video dell'azienda italiana Neveplast.

Qualche sciatore che butta il peso a valle e percorre una lingua di plastica verde lunga più di un chilometro tagliata sul pendio di una montagna. Neve intorno e sulla pista non se ne vede o quasi, solo sassi e terra grigia. Boschi neanche a parlarne, e non c’è il suono ovattato e inconfondibile che il manto bianco e soffice restituisce al fluire del vento, a sci e scarponi. Potrebbe essere questo il futuro delle nostre stazioni sciistiche in crisi di neve e di redditività.

Una prospettiva non così remota se l’esempio della località turistica di Veduchi, in Russia, facesse proseliti. Un sito dove le imprese italiane di punta nel settore stanno facendo affari e investimenti, a partire da una big dell’innevamento programmato come Demaclenko. E, più in generale, un successo di esperienze come quella della pista inaugurata il 27 dicembre 2019 sulle alture del Caucaso costituirebbe un sicuro volano per l’azienda bergamasca Neveplast (4 milioni di euro di fatturato e 14 dipendenti): sua la pista in plastica e il brevetto della tecnologia.

Neveplast, dettaglio modulo base

L’investimento su questo o materiali affini concretizza quello che Legambiente definisce “accanimento terapeutico” dell’industria sciistica. E sarebbe anche uno scenario piuttosto lontano dalla filosofia descritta dalla presidente dell’associazione imprenditori funiviari Anef, Valeria Ghezzi: «La gente quando esce dalla cabinovia o scende dalla seggiovia, vuole trovare un prodotto, e il prodotto sta nel paesaggio e nella cura del territorio. Oppure le funi non servono a nulla…».

Neveplast in soccorso degli “sci-dipendenti”

Ci sono località che scelgono, in modo lungimirante, di ridurre al minimo l’inquinamento da plastica (la ski area italiana di Pejo3000, in Val di Sole, è la prima al mondo ad essere diventata plastic free…) E, al contrario, c’è chi, pur di soddisfare gli appetiti degli sciatori più incalliti, pensa di usare uno dei nemici numero uno dell’ambiente.

«La nostra proposta – spiega Nicolò Bertocchi, amministratore delegato Neveplast – punta sulla plastica perché consente di avere dei vantaggi davvero importanti, evitando il consumo di acqua ed energia necessari per la neve tecnica. Neveplast è completamente rigenerabile perché al termine del suo ciclo di vita – che può essere di 12, 15 o anche 18 anni – possiamo riprendere indietro il materiale, sottoporlo a un trattamento speciale e generarne di nuovo da quello originario. Attraverso la rigenerazione si crea del nuovo Neveplast, mentre l’eventuale smaltimento segue i normali canali dei rifiuti di plastica».

Nato dalla passione della famiglia Bertocchi per gli sport invernali, il prodotto della società di Bergamo potrebbe fare un balzo inatteso. Le richieste di località sciistiche disperate dal Giappone, dall’Italia e non solo, dicono infatti che può candidarsi a riempire il vuoto lasciato dalla neve che manca, integrandola o addirittura sostituendola. E mentre la neve sparata dai cannoni costa sempre più, e sotto i 1500 metri qualcuno già abbandona gli impianti sciistici o punta su attività attraenti a prescindere dalla stagione, troviamo Neveplast già in 1900 differenti siti, compresi impianti turistici di una certa portata, come quelli di Kurza Gora e Kopaonik in Polonia.

Tanti dubbi e poche risposte sull’impatto ambientale

Una cosa è certa: di nuove tonnellate di plastica non riciclabile sul Pianeta non avremmo bisogno. Ma quale impatto ambientale diretto di questa tecnologia? Sul sito ufficiale si legge che «I manti sintetici Neveplast hanno ottenuto la certificazione positiva di impatto ambientale e non contengono sostanze dannose per l’ambiente». Di fatto l’unica certificazione fornita dall’azienda è quella rilasciata da un agronomo nel 2004 in cui si afferma che la posa del materiale «non crea danni all’ambiente e al terreno circostante». Sufficiente?

In assenza di analisi più specifiche, anche chimiche e relative alla filiera, non è possibile conoscere l’impronta ecologica della produzione,  installazione, manutenzione e smaltimento del Neveplast e dei numerosi prodotti similari proposti oggi nel catalogo.

Non si sa poi se il suo impiego comporti, sul lungo periodo, un maggiore o minore dispendio di acqua ed energia rispetto alla gestione delle piste tramite l’innevamento programmato. Non è inoltre disponibile una comparazione tra i costi (anche per l’estrema variabilità dell’utilizzo e dei sistemi di fabbricazione della neve tecnica). Né possiamo dire, infine, quali effetti possa avere la quota residua di Neveplast (3-5%) che viene immessa nell’ecosistema, per stessa ammissione del CEO Bertocchi: «Dopo diversi anni di vita, il materiale che andiamo a recuperare con l’intento di rigenerarlo è intorno al 95-97%. La dispersione nel tempo è quindi davvero minima».

Copenhill, pista in plastica fin sul tetto dell’inceneritore

In attesa di avere maggiori dati sull’innocuità o meno dei residui di Neveplast, bisogna però aggiungere un ultimo tassello al racconto del successo di questa soluzione: il caso Copenhill (cioè collina di Copenaghen). O meglio, il nuovo termovalorizzatore – volgarmente chiamato anche inceneritore – Amager Bakke, sul tetto del quale l’azienda bergamasca ha installato una delle sue piste da sci. Un intervento abbellito da un’erbetta fine che cresce al di sotto del materiale plastico e filtra sotto gli sci tramite una rete apposita.

Copenhill, pista di Neveplast per sciare sul termovalorizzatore di Copenaghen

Di Copenhill tutti maggiori media italiani, e non solo, si sono occupati, descrivendo il progetto, decisamente innovativo sul piano costruttivo, con una certa patina green. E in effetti l’impianto, costato 670 milioni di dollari, brucia 400mila tonnellate di rifiuti l’anno, ma dalla sua elegante ciminiera esce solo vapore acqueo (mentre le ceneri residue vengono smaltite altrimenti). Un risultato eccellente, considerato che l’impianto contribuisce al riscaldamento di migliaia di cittadini e include sentieri verdi, servizi e attività sportive diverse per gli abitanti.

E per quanto Copenhill possa configurarsi anche come una gradita operazione di marketing per chi punta più sugli inceneritori che sull’economia circolare del riuso e del riciclo, sulla copertura del termovalorizzatore danese c’è il marchio della società italiana. Neveplast è stata infatti chiamata a installarvi ben tre piste da sci in materiale sintetico. Una pista nera, per sciatori esperti, che parte dalla sommità e scende per circa 180 metri; una blu per sciatori principianti (60 metri); e 150 metri di pista rossa, intermedia, che porta fino alla base del dell’impianto.

«Basta plastica sulle nostre montagne»: a Pejo la prima skiarea plastic free al mondo

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile