Infrastrutture, quel mezzo trilione per la Ue del futuro

Il nucleo della rete strategica di trasporto europea Ten-T richiederà investimenti per 457 miliardi di euro. L’impatto sarà positivo per molti Paesi. Italia compresa

Nicola Borzi
Nicola Borzi
Leggi più tardi

L’Unione europea mira a costruire un moderno sistema di trasporto integrato che rafforzi la propria competitività globale per affrontare le sfide legate alla crescita sostenibile, intelligente e inclusiva. Il primo passo verso questo obiettivo è garantire una rete di infrastrutture ben funzionante in grado di trasportare persone e merci in modo efficiente, sicuro e sostenibile.

Nel 2017, la rete fisica delle infrastrutture strategiche dell’Unione contava oltre 217mila chilometri di ferrovie, 77mila chilometri di autostrade, 42mila chilometri di vie navigabili interne, 329 porti marittimi chiave e 325 aeroporti.

I programmi di finanziamento della Ten-T

Attraverso la politica della rete transeuropea dei trasporti (Ten-T), Bruxelles mira a costruire un’efficace rete di infrastrutture di trasporto. I programmi e le iniziative di finanziamento della Ue che rendono disponibile il sostegno finanziario ai progetti per realizzare la Ten-T sono il Meccanismo per collegare l’Europa (Cef), che offre sostegno finanziario per investimenti strategici nei trasporti, nell’energia e nelle infrastrutture digitali, il Fondo europeo per gli investimenti strategici (Feis), che sostiene gli investimenti in settori chiave attraverso garanzie finanziarie, il programma Horizon 2020 (in vigore tra il 2014 e quest’anno e per il prossimo settennato ampliato dal nuovo programma Horizon Europe), che finanzia progetti di ricerca e sviluppo con l’obiettivo di trasferire grandi idee dal laboratorio al mercato.

Un ruolo importante lo svolgono i Fondi strutturali e di investimento europei (fondi Sie), in particolare il Fondo di coesione (Fc), che sostiene progetti per ridurre le disparità economiche e sociali e promuovere lo sviluppo sostenibile in 15 Stati membri, e il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), per rafforzare la coesione economica e sociale nell’Unione europea correggendo gli squilibri tra le sue regioni.

Perché occorre puntare sugli investimenti in infrastrutture

Secondo uno studio di Noel Gregor Paterson-Jones, la risposta dell’Europa al lento ritmo della ripresa dopo la crisi economica del 2008 ha portato a un calo del 15% negli investimenti in settori economici chiave, comprese le infrastrutture strategiche.

Il denaro era disponibile, ma l’incertezza economica ha fatto sì che gli investitori decidessero di non correre rischi. Per ovviare a questo fallimento del mercato, l’Unione europea ha sviluppato un Piano di investimenti per l’Europa (Ipe, ora InvestEU), comunemente definito “Piano Juncker”. L’Ipe comprende una strategia su tre fronti il cui pilastro chiave è l’istituzione di un fondo di garanzia, il Fondo europeo per gli investimenti strategici (Feis).

sistema funzionamento piano juncker
Il sistema di funzionamento del piano Juncker. FONTE: Commissione europea

Il Feis è progettato per superare il fallimento del mercato mitigando i rischi del finanziamento ai progetti e mobilitando gli investimenti privati per colmare le lacune del mercato. È uno strumento finanziario che cerca di rimettere al lavoro il capitale di investimento e sfruttare l’opportunità di affrontare le esigenze delle infrastrutture europee mentre i costi di finanziamento sono bassi e la liquidità relativamente abbondante per i progetti ammissibili.

Le ricadute dell’investimento

Secondo uno studio del 2019 del Centro sulle infrastrutture dell’Ispi, promosso con la partnership di McKinsey & Company, sull’importanza delle infrastrutture per la crescita e sui metodi per finanziarle e svilupparle, le infrastrutture hanno la capacità di determinare una discontinuità positiva nella crescita economica dei Paesi attraverso effetti diretti e indiretti.

La realizzazione di infrastrutture aumenta il Pil e crea posti di lavoro, mentre la loro disponibilità può aumentare la produttività e promuovere sia la concorrenza che la cooperazione.

Rete infrastrutturale Ten-T impatto su Pil e occupazione
L’impatto dei 9 corridoi della rete infrastrutturale Ten-T su Pil e occupazione. FONTE: ISPI – The Impact of TEN-T Completion on European Economy.

Il completamento della rete transeuropea di trasporto di base (Ten-T), ad esempio, può aumentare il Pil dell’Unione europea dell’1,6% e creare fino a circa 800mila posti di lavoro entro il 2030. Tuttavia, la realizzazione della rete centrale Ten-T entro il 2030 e la rete globale entro il 2050 richiedono che le risorse dell’UE vengano utilizzate per attirare fondi privati come proposto nel bilancio della Ue per il 2021-2027 (la bozza del quadro finanziario pluriennale prodotto dalla Commissione europea), nonché nelle versioni aggiornate del Meccanismo per collegare l’Europa (Cef) e del cosiddetto “piano Juncker” (Ipe, ora InvestEU).

L’impegno finanziario dell’UE per gli investimenti in infrastrutture si estende anche ai Paesi che partecipano alla “politica di vicinato”: l’obiettivo è promuovere la stabilità economica e politica di tali Paesi e ostacolare il consolidamento degli interessi geopolitici di altri grandi attori nel continente eurasiatico (vale a dire Russia e Cina).

Il 20% degli investimenti per i corridoi in Italia

La rete centrale TEN-T è strutturata in nove corridoi della rete centrale (Cnc) che collegano almeno tre Stati membri europei ciascuno e servono il mercato interno europeo e i mercati internazionali.

I nove Cnc rappresentano il 75% della rete centrale Ten-T. Un esempio di Cnc è il corridoio Scandinavia-Mediterraneo che dalla Finlandia meridionale attraverso Svezia, Danimarca, Germania, Austria e Italia termina a Malta.

Le previsioni degli investimenti in Cnc entro il 2030 indicano una somma complessiva di circa 457 miliardi di euro per l’Unione europea. Oltre il 50% di questi investimenti è previsto per progetti dei Cnc relativi a Italia, Germania e Francia. Secondo uno studio del Fraunhofer Institute sull’impatto di un eventuale mancato completamento della rete Ten-T, gli investimenti nel progetto del corridoio Reno-Alpi rappresentano 40,5 miliardi di euro tra il 2015 e il 2030 mentre l’importo totale degli investimenti per il progetto del corridoio Scandinavia-Mediterraneo è di 108 miliardi di euro in euro costanti 2005.

I costi dell'eventuale non completamento dei 9 corridoi della rete europea Ten-T
L’impatto negativo dell’eventuale non completamento dei 9 corridoi della rete europea Ten-T su Pil e occupazione. FONTE: Fraunhofer, Ptv Group, Infras, MFive.

Secondo l’elenco degli investimenti forniti dalla Commissione europea a dicembre 2014, circa il 20% degli investimenti core totali (95 miliardi di euro) sono realizzati per i corridoi Ten-T di base in Italia. Germania e Francia seguono del 17% (77 miliardi di euro) rispettivamente del 16% (73 miliardi di euro) degli investimenti complessivi nei Cnc.

Per quanto riguarda invece la distribuzione degli investimenti in tecnologie innovative tra i 28 Stati membri dell’UE, gli investimenti più elevati per il periodo 2015-2030 sono previsti per Germania (4,7 miliardi), Regno Unito (4,7 miliardi), Spagna (4,4 miliardi), Italia (4,2 miliardi) e Francia (3,8 miliardi).

Gli effetti degli investimenti infrastrutturali Ue

Lo studio ha analizzato la completa attuazione della rete centrale Ten-T entro il 2030. In termini di impatto economico, il Pil della UE aumenterebbe dell’1,6% nel 2030 rispetto alla linea di base e verrebbero generati ulteriori 797mila posti di lavoro equivalenti a tempo pieno.

L’impatto sulla crescita del Pil differisce sostanzialmente tra la Ue a 13 (+4,2%) e la Ue a 15 (+1,4%). Queste grandi differenze tra i Paesi sono legate alla quota di investimenti Ten-T sul totale degli investimenti effettuati in un Paese e alle strutture economiche specifiche per ciascun Paese.

A livello degli Stati membri, gli impatti dipendono da fattori quali l’entità degli investimenti in Ten-T in relazione al Pil o al loro investimento totale; la struttura settoriale della loro economia; i miglioramenti specifici delle prestazioni di trasporto; la dipendenza dal commercio e dalla struttura commerciale. Il profilo temporale degli investimenti Ten-T e quindi quello dei miglioramenti economici è diverso da Paese a Paese, facendo variare le previsioni degli impatti positivi sul Pil e sull’occupazione.

Nell’ipotesi di base è previsto che dagli investimenti in infrastrutture strategiche della rete Ten-T derivi un aumento del Pil di circa l’1% nel 2030 per diversi Paesi, con alcuni che potrebbero vedere il prodotto interno lordo crescere anche del 3%. Gli impatti sull’occupazione mostrano che in Italia, Francia, Spagna e Polonia nel 2030 verrebbero creati oltre 100mila posti di lavoro aggiuntivi rispetto allo scenario di base.

L'impatto dell'attuazione della rete infrastrutturale Ten-T su Pil e occupazione dei diversi Stati UE. FONTE: ISPI - The Impact of TEN-T Completion on European Economy.
L’impatto dell’attuazione della rete infrastrutturale Ten-T su Pil e occupazione dei diversi Stati UE. FONTE: ISPI – The Impact of TEN-T Completion on European Economy.

L’analisi dei moltiplicatori economici

I moltiplicatori economici sono usati come indicatori per comprendere l’impatto economico dell’attuazione della rete infrastrutturale strategica Ue Ten-T. I moltiplicatori per i singoli corridoi della rete forniscono un indicatore del Pil aggiuntivo e dei posti di lavoro creati rispettivamente per ogni miliardo di euro investito nel periodo 2017-2030. Questi vanno da un moltiplicatore pari 2,6 per il corridoio Oriente-Mediterraneo sino a un moltiplicatore pari a 4,7 per il Corridoio Baltico-Adriatico.

rete infrastrutturale Ten-T moltiplicatori dei diversi corridoi
L’impatto moltiplicatore per ogni miliardo investito in ciascuno dei 9 corridoi della rete Ten-T. FONTE: European Commission – The impact of TEN-T completion on growth, jobs and the environment.

Il moltiplicatore del Pil per l’intera rete centrale Ten-T nel periodo 2017-2030 è stimato a 3,3. L’elevato moltiplicatore di occupazione del corridoio Baltico-Adriatico deriva da grandi investimenti collocati in Polonia, che mostrano un grande impatto a causa della sua struttura settoriale e della produttività del lavoro relativamente inferiore.

Moltiplicatori a bassa occupazione sono previsti per i corridoi Reno-Alpino e Scandinavo-Mediterraneo. Il motivo è che attraversano Paesi con una produttività del lavoro relativamente elevata. Lo stesso aumento degli investimenti si traduce quindi in un minore impatto sull’occupazione. Il moltiplicatore medio per l’intera rete centrale Ten-T è superiore a 13mila anni di lavoro aggiuntivi per ogni miliardo di euro investito (ai prezzi del 2005).

Altri articoli dal dossier

Corona-crisi: virus globale, riforme epocali